SELECT * from gep where ( ID='36179') MOLISE TREKKING SUI MONTE DEL MATESE - Associazione Culturale Genti e Paesi - Weekendverdi a Roma
  • WEEKEND VERDE



  • 24/10/2021 - 30/10/2021

    MOLISE TREKKING SUI MONTE DEL MATESE


    Durata 7 giorni 6 notti

    Date

    24 Ottobre

    Partenza: domenica

    Su e giù per i Monti del Matese sull’Appennino Sannita, un trekking impreziosito da alcune perle archeologiche e storico-culturali.

    Il trekking “Monti del Matese” dà l’opportunità di conoscere le quote più elevate dell’Appennino Sannita e ha una qualità naturalistica molto alta. Tutto il percorso si sviluppa tra continui saliscendi, su sentieri e attraverso ambienti differenti e caratteristici delle montagne che formano la catena dell’Appennino: immensi boschi di castagni, faggi e aceri montani; estese praterie di alta quota; ambienti rocciosi suggestivi, caratteristici in particolar modo dei versanti più scoscesi delle cime principali; grotte e balconi dai quali ammirare paesaggi. A caratterizzare ulteriormente il viaggio è la storia dei luoghi attraversati. Il massiccio del Matese ha vissuto il fenomeno del brigantaggio nei secoli XVIII e XIX e quello della transumanza orizzontale, soprattutto come pascolo estivo, in ben due millenni. Nei momenti di riposo si assaggiano e degustano i prodotti tipici dell’antica tradizione culinaria molisana, valorizzando e mettendo in risalto i tartufi, i formaggi freschi e stagionati, i vini, i salumi e l’olio di oliva extra vergine. Il tutto è caratterizzato da un clima intimo e familiare.

    Dal 24/06/2021 possibile abbinamento in camere doppie tra persone in possesso di certificazione verde


    PROGRAMMA:

    Domenica
    arrivo a Bojano con i mezzi pubblici o con mezzi propri e trasferimento a Campitello Matese. Sistemazione degli ospiti. Spiegazione del viaggio e cena. Cena in ristorante e notte in hotel.

    Lunedì
    Campitello Matese (San Massimo) – Eremo di Sant’Egidio – Campitello Matese (San Massimo). Escursione naturalistica, che permette di attraversare boschi e praterie, ammirare ampi panorami e alcuni fenomeni carsici, oltre che una piccola, ma significativa, testimonianza storica. Lasciando a piedi l’hotel, si attraversa il bosco di pietra, chiamato così per la presenza di faggi d’alto fusto cresciuti fra numerose rocce, e si sale sulla piccola cima di Serra Le Tre Finestre (1736 metri s.l.m.), da cui si gode di un ampio panorama sul Matese e su una discreta fetta del Molise. Dalla cima, si ridiscende sul versante opposto e, attraverso pianori carsici e altri boschi di faggio, si arriva all’eremo di Sant’Egidio (IX sec.). Una volta lasciato il luogo di romitaggio, si risale sempre tra pianori carsici e faggete verso la ondulata prateria d’alta quota di Campo Puzzo, ai piedi dell’elegante e maestosa La Gallinola (1923 metri s.l.m.). A seguire, si ritorna verso Campitello Matese, passando per il sottostante slargo di Capo d’Acqua e il grande pianoro di Campitello. Cena in ristorante e notte in hotel.
    Escursione di difficoltà media di 15,5 km circa con dislivello totale in discesa di 1.155 metri e un dislivello totale in salita di 1.150 metri.

    Martedì
    Monte Miletto. Nella seconda escursione si scala Monte Miletto (2050 metri s.l.m.), che è la sommità più elevata del Matese e svetta maestoso, con aspetto austero. Notevole è il panorama che si può godere dalla sua cima: dal lago Matese agli specchi d’acqua di Letino e Gallo Matese, alle cime più importanti dell’Appennino abruzzese, fino all’Abbazia di Montecassino. La parte sommitale di tale montagna è stata segnata notevolmente dall’ultima era glaciale. Nel versante di Roccamandolfi, imponente e selvaggio, fin dai 1200 metri si possono notare i notevoli segni dell’erosione dei ghiacci, fra ripide valli, canaloni, rocce a strapiombo, circhi glaciali, morene e pietraie. Altamente spettacolare è la profonda valle del Fondacone, che si vedrà dall’alto, ove l’erosione ha dato vita a due speroni rocciosi molto caratteristici: i Campanarielli (dalla forma di piccole campane). Cena in ristorante e notte in hotel.
    Escursione di difficoltà difficile di 10 km circa con dislivello totale in discesa di 850 metri e un dislivello totale in salita di 900 metri.

    Mercoledì
    dopo la colazione, si visita la città romana di Saepinum, vero gioiello archeologico del Molise. Sito archeologico dal valore inestimabile, l’antica città di Saepinum possiede le intere mura che perimetrano la sua ampiezza, quattro porte monumentali, la tipica struttura urbana delle città romane con cardo e decumano (quest’ultimo interamente lastricato), le terme, il teatro, il foro, la basilica, due quartieri residenziali, un macellum, il tribunale e tanto altro. Inoltre, è situata sul Regio Tratturo Pescasseroli-Candela, altro bene storico-culturale dal notevole interesse, testimone di innumerevoli transumanze che dalla pianura del Tavoliere delle Puglie andavano alle montagne dell’Abruzzo e del Molise (e viceversa). Pomeriggio libero. Cena in ristorante e pernotto in hotel.

    Giovedì
    Monte La Gallinola. Nella terza escursione si sale sul monte La Gallinola (1923 metri s.l.m.), la seconda montagna del massiccio appenninico del Matese. Attraversato il pianoro Campitello, si arriva al pianoro di Capo d’Acqua. Il complesso montuoso de La Gallinola, nel versante approcciato da Campitello Matese, si caratterizza per essere un monte roccioso e privo di vegetazione arborea, con un’estesa ed elegante cresta. Da questa montagna si può godere del panorama sul sottostante grande Lago del Matese e sugli adiacenti monti. Il ritorno si avrà sugli stessi sentieri percorsi nell’ascesa. Cena in ristorante e notte in hotel. Escursione medio-difficile di 12 km circa con dislivello totale in salita e in discesa di 570 metri.

    Venerdì
    Campitello Matese (San Massimo) – Campo dell’Arco. Nella quarta escursione si conoscono ulteriormente i fenomeni carsici che caratterizzano il Matese. Fra valli, pianori, valichi e montagne, si arriva al inghiottitoio di Campo dell’Arco, posizionato sul versante meridionale di Monte Miletto. La conca, erosa dal ruscellamento delle acque superficiali e dalle nevi, si caratterizza per la presenza di una piccola parete rocciosa che, nel corso di centinaia di migliaia di anni, è stata perforata dal vento e ha creato un arco ogivale naturale davvero suggestivo. Cena in ristorante e pernotto in hotel.
    Escursione media di 10 km circa con dislivello totale in salita e in discesa di 550 metri.

    Sabato
    dopo colazione, si riparte per le proprie abitazioni.

    Dettagli del viaggio

    Dove: Molise

    Sistemazione

    Hotel La Pinetina - Loc. Campitello Matese - San Massimo - CB
    La struttura è la prima abitazione nata sul Pianoro di Campitello Matese, edificata nel pieno rispetto della tradizione architettonica locale, è diventata un piccolo albergo dove trascorrere una vacanza immersi nella natura più viva che mai. Vanta di una straordinaria collocazione: è immersa in un bosco di conifere di oltre 20 mila metri quadrati ed è anche a ridosso della piazza della località che dista 150 metri. La Cucina propone un ricco menù che spazia dai piatti tipici come il Tagliere di Salumi e Scamorza Molisana con la Focaccia, le Tagliatelle al Cinghiale, la Polenta con la Salsiccia, le Fettuccine ai Funghi, la Grigliata di Carne su Pietra Lavica e i famosi latticini di Bojano. Dispone del parcheggio gratuito.

    La struttura è allineata alle ultime direttive del DPCM e dei protocolli di settore secondo le direttive regionali.

    Accompagnatore per tutta la durata del viaggio che coordina il gruppo e lo accompagna durante la vacanza.

    Note

    Spostamenti: gli spostamenti in auto sono presenti solo il primo e l’ultimo giorno della vacanza, per raggiungere e lasciare la località di Campitello Matese.

    Transfer A/R: € 20 per persona a tratta in auto o minivan.

    Transfer Saepinum: € 20 per persona a tratta in auto o minivan.

    Importante: il programma potrebbe subire variazioni in relazione alle condizioni atmosferiche, variazioni della viabilità, turni di chiusura e/o su indicazione da parte dell'accompagnatore.

    Info itinerario: escursioni di 5/6 ore al dì, escluse le soste, per una lunghezza complessiva di 47,5 km (da fare in quattro giorni). Presenza di salite e discese faticose e di tratti in piano. In particolar modo nell’escursione su Monte Miletto vi sono tratti impegnativi, che richiedono un’adeguata preparazione fisica e mentale. In due giorni i dislivelli totali si avvicinano o superano i 500 metri, sia in salita, sia in discesa. In uno si superano i 1000 metri di dislivello. In un altro i dislivelli sono di poco inferiori ai 1000 metri. Il trekking è accessibile a persone adeguatamente allenate e abituate alla camminata, alla montagna e, quindi, alle lunghe ascese e discese. Tuttavia, i sentieri non sono percorsi tecnici e non hanno necessità di materiale da alpinismo, ma solo da escursionismo.

    Quote
    Quota individuale: € 700
    Formula #123: € 350
    Formula #456: € 420
    Supplemento Singola: € 150
    Pranzo al sacco: € 7

    Comprende
    sistemazione in camere doppie/triple, trattamento di mezza pensione, percorsi guidati, accompagnatore e assicurazione sanitaria e bagaglio.

    Non comprende
    viaggio, bevande, pranzo al sacco, transfer A/R, transfer per Saepinum, tassa di soggiorno e tutto quanto non indicato alla “quota comprende”

    (jonas.it)

  • Per informazioni e prenotazioni:
    Associazione Culturale Genti e Paesi - Tel. 06.85301758 - Fax 06.85301756 - Email: info@gentiepaesi.it
    Orario dei nostri uffici:
    Dal lunedì al venerdì: 9-19 orario continuato
    Sabato : 10-14 orario continuato